I 10 LIBRI EROTICI CHE FANNO IMPALLIDIRE LE 50 SFUMATURE DI GRIGIO

 

erotic-book-store-vagina-small-54280

 

 

In principio c’era 50 sfumature di grigio.

Ebbene, no. In principio c’era solamente il sesso. Poi è arrivata la scrittura, poi il romanzo, e da qui è nato lo sfogo erotico delle donne di mezzo mondo. Non amo quel libro pseudo-erotico, frutto di una donna di mezz’età che non fa altro che raccontare una storia da libro Harmony con qualche sculacciata, per ringalluzzire le fantasie di borghesi raggrinzite e casalinghe assuefatte da Facebook.

 

Ma questo libruncolo scritto alquanto male non è affatto il precursore del genere. La Storia ci offre (fortunatamente) esempi di letteratura erotica molto, molto più appassionata, veritiera, scandalosa, perversa, a volte oltre i limiti della decenza e soprattutto meglio scritti.

La letteratura erotica è un’arte molto difficile e ha inizio nella notte dei tempi.

Se perciò avete voglia di titillare la vostra fantasia con delle amene storielle che vi avvicinano alla natura e alla pace dei sensi, qui trovate alcuni capolavori del genere.

Continue reading

I 5 FENOMENI MUSICALI ANNI ’90 CHE DOVREMO SPIEGARE AI NOSTRI NIPOTI

Ogni epoca ha i suoi, si suol dire.

Gli anni ’70 hanno visto il fiorire di band come i Cugini di Campagna e I Collage, gli anni ’80 hanno visto il Gioca Jouer di Claudio Cecchetto.

Tutti, in un modo o nell’altro, devono vergognarsi di qualche chicca della loro adolescenza. Non parliamo del successo di Titanic oppure delle Spice Girls: quelle sono cose dovute al comune ormone adolescenziale che colpisce sempre quando meno te lo aspetti.

Noi parliamo di veri e propri fenomeni insensati, impossibili da concepire per qualsiasi essere umano sano di mente, venuti sulla terra al solo scopo di confondere i giovani dell’epoca e far sorgere un quesito ai loro nipoti: Ma perchè?!

Ecco alcuni dei fenomeni musicali anni ’90, delle nostra giovinezza, che tutti dovremo un giorno spiegare ai nostri nipoti. Continue reading

SQUILLO GAME: MORALE ZERO, GIOCATORI IN DELIRIO

Attenzione: quest’articolo contiene parole non adatte a un pubblico di minori o femministe infoiate. Preciso che questo pezzo sarà una recensione puramente ludica, che non prenderà posizione sulla moralità del gioco.

In principio ne aveva parlato un noto canale Youtube dedicato ai videogiochi, “Parliamo di Videogiochi”. In seguito era finito in Parlamento tra le ire delle senatrici Baio, Garavaglia e Bianconi.

Ma cosa può aver fatto un videogioco per rischiare di divenire oggetto di un’interrogazione parlamentare? Avrà istigato al suicidio qualche mente debole? Avrà indotto qualche bambino a uccidere i genitori con la bistecchiera (no, quello è successo davvero)?

Nulla di tutto ciò. Il gioco in questione si chiama “Squillo”, prodotto dalla rispettabilissima Raven.

Non è propriamente un videogioco, dato che si tratta di un gioco di carte e ha letteralmente spopolato ai Lucca Games. Il primo della serie, Squillo Pappa, è andato esaurito in poco tempo e restano in circolazione le versioni Squillo Deluxe e Squillo Bordello d’Oriente. Continue reading